Lorem ipsum gravida nibh vel velit auctor aliquet. Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum. Sofisticur ali quenean.

INSTAGRAM

Wellness

“L’ARMONIA E’ STATA MIA MADRE NELLA CANZONE DEGLI ALBERI ED E’ TRA I FIORI CHE HO IMPARATO AD AMARE” - FRIEDRICH HOLDERLIN (Iperione) -

GREEN AREA

Situata nel centro del centro “Il Poggetto” è uno spazio all’aperto, immerso nel verde delle colline di Montecatini Terme perfettamente in simbiosi con la natura circostante. Qui si svolgono corsi, sessioni di allenamento, momenti di relax ed è anche il luogo perfetto per percorsi di riabilitazione, in particolare per riattivare le attività motorie a seguito di traumi e fasi post-operatorie.
L’area è stata pensa con numerose stazioni propriocettive a terra ed in acqua e dotata di strumenti e tecnologie per lo sportivo e per chi tiene alla salute del proprio corpo.

BODY FLYING

Il body flying persegue l’obiettivo di agevolare il movimento senza imporre I limiti dei classici allenamenti a corpo libero con un idea di fondo: “tutti possono volare”

Il body flying unifica diverse tipologie di allenamento come lo Yoga, il Pilates e la ginnastica artistica. Si tratta di un allenamento che avviene principalmente in sospensione grazie al supporto di uno strumento innovativo: un’amaca realizzata con lo stesso tessuto dei  paracadute e dotata di alcune maniglie posizionate a diverse altezze regolabili.

Il body-flying è un attrezzo estremamente versatile e offre un ricco repertorio di esercizi in piedi, a terra, in sospensione nell’amaca.

Questo metodo di allenamento sfrutta la forza di gravità, il peso del corpo e l’equilibrio, giocando con il corpo con la piacevole sensazione di fluttuare nell’aria e potersi muovere liberamente nello spazio. Lo scopo è quello di riuscire ad eseguire i movimenti con fluidità, controllo e precisione.  Solo grazie alla sinergia tra impegno muscolare e concentrazione mentale si riesce a governare un supporto instabile quale è l’amaca: essa può diventare sia un sostegno nel movimento, grazie al fatto che consente di sfruttare tutti i piani dello spazio a 360° superando i limiti imposti da un allenamento a corpo libero tradizionale, sia un elemento di maggiore difficoltà nell’esecuzione di esercizi progressivamente più impegnativi.

POLE DANCE

E’ un misto  di ginnastica e danza con la pertica. Disciplina nuova e divertente che permette di sviluppare forza e agilità in tutto il corpo 

PILATES

Nato all’inizio del novecento come metodo di allenamento ideato da Joseph Pilates, trae ispirazione da antiche discipline orientali quali yoga e Do-In (Giappone). 

Chiamato dallo stesso Pilates col nome di Contrology, incoraggia l’uso della mente per controllare I muscoli. 

Il programma di allenamento si concentra sui muscoli posturali, cioè quei muscoli che aiutano a tenere il corpo bilanciato e sono essenziali a fornire supporto alla colonna vertebrale. 

Il metodo è indicato anche nel campo della rieducazione posturale. 

In particolare, gli esercizi di Pilates fanno acquisire consapevolezza del respiro e dell’allineamento della colonna vertebrale rinforzando i muscoli del piano profondo del tronco, molto importanti per aiutare ad alleviare e prevenire mal di schiena. Con questo metodo di allenamento non si rinforzano solo gli addominali ma si rinforzano anche le fasce muscolari più profonde vicino alla colonna e intorno alle pelvi. Il punto cardine del metodo è la tonificazione e il rinforzo del Power House, cioè tutti i muscoli connessi al tronco: l’addome, i glutei, gli adduttori e la zona lombare. 

Gli esercizi che si eseguono sul tappetino (Pilates Mat Work) devono essere fluidi e perfettamente eseguiti, devono inoltre essere abbinati ad una corretta respirazione.

QIGONG

QIGONG

“Con il termine QiGong s’intende una serie di tecniche ed esercizi atti a migliorare la quantità e la qualità dell’energia circolante nel corpo.”

Marco Montagnani, La medicina energetica, p. 57

Il QiGong è una disciplina antichissima, che nasce in Cina presumibilmente prima della stessa agopuntura: una vera arte del respiro, messa a punto in ambienti taoisti, e mirante alla salute globale dell’essere.

QiGong si può tradurre con “lavoro sul Qi”, dove il termine Qi indica un concetto che non ha un corrispettivo esatto nelle lingue occidentali, ma designa qualcosa che si riferisce alla “energia vitale”. In realtà, con questa idea non dovremmo limitarci all’energia propria al nostro singolo organismo, ma dovremmo estenderla a tutto ciò che ci circonda: il Qi è l’energia stessa della natura e del cosmo. Attraverso il Qi il microcosmo si specchia nel macrocosmo, e tutto è uno: le nostre emozioni, la brezza tra le foglie, l’acqua che scorre nel letto di un torrente, il canto degli uccelli, il sorriso di una persona cara.

Il QiGong infatti è una disciplina che, unendo movimento, respirazione e intenzione mentale, cerca di armonizzare corpo, mente ed emozioni. Parallelamente a questo, la pratica porta a ritornare in contatto con la natura, riconquistando il proprio posto naturale nel macrocosmo e riarmonizzandosi con esso.

In questo concetto “olistico” di salute, si considera che un individuo “sano” non è soltanto privo

di malattie (fisiche o psichiche che siano) ma possiede anche una consapevolezza di sé

sufficiente ad instaurare uno stile di vita che gli consenta di mantenersi in tale stato di salute, di

interagire costruttivamente con l’ambiente in cui vive, di contribuire al suo sviluppo armonico.

Il corso proposto al Poggetto è di QiGong terapeutico del Metodo XiuZhenDao®, creato dal Maestro Marco Montagnani, comprendente un sistema completo di esercizi che consente di lavorare su ogni parte dell’individuo, rimuovendo i blocchi accumulati nel tempo e ripristinando il corretto scorrere del Qi nel corpo, con grande beneficio psicofisico.

Si eseguiranno esercizi di molte tipologie:

  • esercizi posturali per raggiungere una pratica corretta e sicura di ogni posizione del corso
  • posizioni statiche
  • esercizi in movimento e deambulazione
  • sequenze respiratorie
  • sequenze più o meno estese di movimenti, ciascuna con uno scopo ben preciso
  • sequenze specifiche per i vari periodi dell’anno
  • vocalizzazione di suoni.